Microplastiche: trovate anche nei filetti di pesce al supermercato

Che il tema dell’inquinamento da microplastiche non sia così lontano dai nostri piatti, come alcuni consumatori pensano, lo dimostrano sempre più evidenze. L’ultima, allarmante, quella di un rapporto preparato per l’Organizzazione marittima internazionale, l’agenzia delle Nazioni Unite responsabile per la prevenzione dell’inquinamento marino, che ha trovato questi piccoli frammenti di plastica nei pesci comunemente venduti dai supermercati.

Non è ancora chiarito quale effetto queste minuscole particelle hanno sui chi consuma pesce, dice il rapporto, ma si sa che una volta rilasciati negli habitat acquatici “Si sono infiltrati in tutti i livelli della catena alimentare… e così ora stiamo vedendo che ritornano a noi attraverso i nostri piatti” ha spiegato Chelsea Rochman, assistente di ecologia e biologia evolutiva presso l’Università di Toronto e co-curatore del rapporto.

Queste fibre molto piccole, si staccano dai tessuti sintetici del nostro abbigliamento, dai pneumatici ma anche da moltissimi cosmetici. Difficle evitare che finiscano nella nostra alimentazione e difatti così è stato confermato dalla ricerca. ”Questi materiali entrano negli organismi marini, non solo le loro viscere, ma anche i loro tessuti”, spiega Peter Wells, un ricercatore senior con l’Oceano Istituto Internazionale presso Dalhousie University che ha aggiunto come evidentemente non basti eviscerare il pesce per non portarli nel piatto.

E il problema non è solo relativo alle microplastiche in senso stretto. Queste piccole particelle, infatti, assorbono o “legano” i contaminanti organici, come i PCB, i pesticidi, i ritardanti di fiamma e i perturbatori ormonali di vario genere, ha spiegato Wells.

L’attenzione di molti ricercatori è nei confronti delle microsfere molto usate in creme per scrub e saponi per le mani. E ora anche alcuni governi si muovono, come è successo per il Canada che ha stabilito un divieto di usarle nei prodotti da bagno che entrerà in vigore nel 2018.

Microplastiche nel mare, l’allarme di Greenpeace: “Rischio tossicità per l’uomo”

Microplastiche, ecco le aziende che non riescono a farne a meno