Stangata sui pendolari: Federconsumatori all’Antitrust contro Trenitalia

Non si spegne l’ondata di proteste contro Trenitalia per gli aumenti consistenti sugli abbonamenti per i pendolari. E si passa ai fatti.

Federconsumatori, assieme al Comitato Nazionale Pendolari AV, ha inviato all’Antitrust una segnalazione di Abuso per posizione dominante nei confronti di Trenitalia S.p.A..

Nella segnalazione  si legge che si tratta di prezzi iniqui – aumento tariffario eccessivamente gravoso e non corrispondente a un aumento dei costi del servizio. Alla luce di tali elementi Federconsumatori ha denunciato l’intollerabile posizione dominante assunta da Trenitalia, che ha arbitrariamente disposto rincari medi del 35% per gli abbonamenti AV. E ha chiesto che l’Autorità:

1) disponga in via d’urgenza la sospensione da parte della società Trenitalia S.P.A. dell’applicazione all’utenza degli annunciati aumenti tariffari degli abbonamenti Alta Velocità;

2) accerti la posizione di dominanza della società Trenitalia S.p.A. nell’offerta dei servizi di trasporto ferroviario AV in abbonamento;

3) accerti l’abuso di posizione dominante della società nella previsione e/o applicazione all’utenza dei pendolari AV dei citati aumenti tariffari.